FESTA S. MARIA DEI MIRACOLI - Parrocchia Morbio Inferiore

Vai ai contenuti

Menu principale:

FESTA S. MARIA DEI MIRACOLI

Festa di Santa Maria dei Miracoli

.

 
 
Celebrazioni in Basilica

Santa Maria dei Miracoli



Nella festa di Santa Maria dei Miracoli sono proposti nove formulari per venerare la memoria della Madre del Signore, sotto i  titoli che  esprimono la sua cooperazione  nel  promuovere la vita spirituale dei fedeli.

ore 03.00

Santa Messa

ore 04.00

Santa Messa

ore 05.00

Santa Messa

ore 06.00

Santa Messa

ore 07.00

Santa Messa

ore 08.00

Santa Messa

ore 09.00

Santa Messa

ore 10.30

Santa Messa:

presieduta dal nostro Vescovo Valerio


Nel pomeriggio

 

ore 17.00

Santo Rosario

ore 17.30

Santa Messa

ore 20.30

Celebrazione mariana

in onore di Santa Maria dei Miracoli
presieduta da Mons. Pier Giacomo Grampa,
Vescovo emerito

 
 

Processione eucaristica

con la partecipazione della Confraternita del Santo Rosario  
e della Civica Filarmonica di Morbio Inferiore

 
 

*Benedizione eucaristica

sul sagrato della Basilica

 

La processione eucaristica non è uno spettacolo da vedere, ma un cammino di preghiera e di fede da seguire

 
 

ore 22.30

Santa Messa

a conclusione della festa
Canto e preghiera di affidamento
davanti all'effige di Santa Maria dei Miracoli

 

Confessioni in Basilica

 

dalle ore 02.30 alle ore 10.00
dalle ore 17.00 alle ore 18.30

 
 

Dal 20 al 29 luglio, sabato e domenica compresi, nella chiesa di San Giorgio, non si celebrano le Sante Messe


Avviso per celebrazione eucaristica in onore di Santa Maria dei Miracoli

Il ritrovo per i presbiteri concelebranti, per la Confraternita del Santo Rosario in abito corale, per i ministranti, i ragazzi e le ragazze che animeranno le raffigurazioni viventi del Miracolo di Morbio e delle cappelle, è stabilito all'Oratorio della Parrocchia non oltre le ore 10.15.

 
2014
 
Il miracolo di Morbio Inferiore


La storia del santuario di Santa Maria dei Miracoli inizia il 29 luglio 1594.
E' un venerdì e due ragazze milanesi, Caterina e Angela, rispettivamente di dieci e sette anni, raggiungono il colle di Morbio dopo un lungo e faticoso viaggio dalla capitale lombarda. Sono due fanciulle malate, tormentate dal demonio e sono salite fino a Morbio, per chiedere la benedizione del vice-parroco locale, Don Gaspare dei Barberini, cui sono attribuiti particolari carismi. Ma il parroco è assente. Alla stanchezza del viaggio ed alla tristezza della malattia,si aggiunge l'amarezza e la delusione. Non resta che aspettare.

Ad un certo momento della preghiera avviene il miracolo: la Madonna appare loro  e le guarisce.
La Madonna aveva detto a Caterina che "avvisasse che si facesse refare quel luogo e che su gli si dicesse Messa".
La Madonna le aveva pure chiesto di dire a tutti che "dovessero dire 15 "Pater Noster" e 15 "Ave, Maria" per i misteri della vita, passione, morte e risurrezione del Signore". Infine, Caterina afferma che la Madonna le aveva fra l'altro chiesto "che si dovesse fare Capuccina", e che lei le aveva promesso di fare secondo quanto le veniva richiesto.

Fra i ruderi dell'antico castello vi sono anche le rovine del vecchio oratorio e nel muro sbrecciato e cadente, è dipinto l'affresco, che rappresenta la Vergine in atteggiamento profondamente materno.

Preghiera a Santa Maria dei Miracoli


"O Madre di Dio, Maria dei Miracoli, col manifestarti prodigiosamente in questa tua Immagine eleggesti questo luogo a trono di tua misericordia: luogo privilegiato donde diffondi i tuoi favori e le tue benedizioni; e già molti e molti infelici hanno qui trovato rimedio alle loro infermità spirituali e corporali; noi veniamo pieni di fiducia ai piedi di questa tua Immagine ad implorare la tua materna protezione.
Tu conosci i nostri bisogni, le nostre pene, le nostre sofferenze: rivolgi l' occhio propizio sopra di noi e intercedi dal Cuore del tuo Figlio Gesù quanto ti domandiamo.
Esaudisci, o Madre di grazia, le nostre umili preghiere e, ricolmi dei tuoi benefici,
ci sforzeremo di esserti grati in vita coll'imitare le tue virtù, nell' attesa di cantare con te, con gli angeli, con i santi l' inno dell' eterna lode.
Amen".

Torna ai contenuti | Torna al menu